Notizie Andamenti La distribuzione della ricchezza digitale

La distribuzione della ricchezza digitale

September 8, 2023 Andamenti
BITmarkets | La distribuzione della ricchezza digitale

Di recente, alcuni articoli hanno pubblicato titoli scioccanti sulla distribuzione "ingiusta" delle valute digitali. Tra coloro che hanno fatto questa affermazione ci sono l'Economist e Bloomberg.

In particolare, un recente rapporto di Bloomberg afferma che il 2% dei conti controlla il 95% di tutti i Bitcoin.

Queste conclusioni potrebbero essere ricondotte a una fonte: la lista dei ricchi di Bitcoin. Ma a un'analisi più attenta dei dati utilizzati per fare queste affermazioni, scopriamo che la lista ricca di Bitcoin mostra semplicemente le proprietà degli indirizzi Bitcoin.

Detto questo, l'affermazione secondo cui il 2% degli indirizzi controlla il 95% dell'offerta è vera, ma decisamente fuorviante. Ci sono due problemi con questa affermazione. In primo luogo, non tutti gli indirizzi Bitcoin devono essere trattati allo stesso modo. Ad esempio, un indirizzo di scambio che detiene i fondi di milioni di utenti deve essere distinto dall'indirizzo di un singolo individuo in autocustodia.

Secondo, un indirizzo Bitcoin non è un "conto". Spesso un utente può controllare più indirizzi e un indirizzo può contenere i fondi di più utenti. Tenendo conto di questa correzione, si ottiene una migliore rappresentazione della distribuzione effettiva di BTC: il 2% degli utenti di BTC detiene il 71,5% dell'offerta circolante (invece del 95%).

Il calcolo corretto utilizza la cifra di 460 milioni di indirizzi totali di BTC, con solo 172 milioni di portafogli economicamente rilevanti e solo 27 di questi indirizzi che detengono effettivamente Bitcoin. In ogni giorno, ci sono tra 700.000 e 1.000.000 di indirizzi attivi.

Distribuzione della ricchezza in Bitcoin

La società di analisi crittografica Glassnode divide le entità della rete in base al loro possesso di Bitcoin nelle seguenti specie marine:

Gamberetto: meno di 1 BTC

Granchio: 1 - 10 BTC

Octopus: 10 - 50 BTC

Pesce: 50 - 100 BTC

Delfino: 100 - 500 BTC

Squalo: 500 - 1.000 BTC

Balena: 1.000 - 5.000 BTC

Calamaro: più di 5.000 BTC

GlassF

La distribuzione stimata di Bitcoin tra le entità della rete nel tempo.

Fonte: Glassnode

Alla grande estremità dello spettro, le balene e le megattere sono le più grandi entità non di scambio che insieme controllano circa il 31% dell'offerta di Bitcoin. Si tratta di istituzioni, fondi, depositari, desk OTC e altri individui con un elevato patrimonio netto.

D'altra parte, le entità più piccole che detengono fino a 50 BTC ciascuna (gamberi, granchi e polpi) controllano quasi il 23% dell'offerta. Questo dimostra che un numero sostanziale di Bitcoin è in realtà nelle mani di investitori al dettaglio.

Chi sono i maggiori detentori di Ethereum?

Ecco un altro titolo accattivante che dovrebbe sembrare scioccante per il lettore, forse alludendo a una distribuzione non uniforme o ingiusta della ricchezza di Ethereum in ETH.

Ora che abbiamo ricalibrato la distribuzione dei possedimenti di Bitcoin dal 95% al 71%, essendo sotto il controllo del 2% di portafogli, esploriamo un po' di più la struttura dei possessori di Ethereum.

Ci sono 236.48 milioni di possessori di Ethereum al 27 giugno 2023, con i primi 10 portafogli che detengono il 31,49% dell'offerta in circolazione, secondo CoinCarp.

Solo un anno fa, questo numero era di 201,7 milioni, con un aumento del 18,38% rispetto all'anno precedente. Utilizzando la stessa metodologia utilizzata per il Bitcoin, scopriamo che 10 portafogli di ETH equivalgono allo 0,000005% di tutti i portafogli di ETH.

Di conseguenza, otteniamo la dichiarazione: lo 0,000005% dei possessori di ETH controlla quasi il 35% dell'offerta di ETH.

I maggiori possessori di ETH non sono individui, ma per lo più protocolli, aziende o conti puramente non identificati. Di seguito l'elenco completo:

1- Contratto Beacon Chain: circa 18 milioni di ETH

Il contratto Beacon Chain è stato impiegato da Ethereum durante la transizione dalla proof of work alla proof of stake, completata con successo nell'autunno del 2022 con la fase Merge.

Gli ETH di molti grandi exchange, tra cui Coinbase e Binance, sono stati messi in comune per essere puntati su questo contratto, che è ancora in fase di realizzazione. Con oltre 18 milioni di ETH nel contratto, è il più grande detentore di ETH.

2- Binance: circa 4,4 milioni di ETH

Non dovrebbe sorprendere che uno dei maggiori detentori di ETH sia anche il più grande exchange al mondo in base al volume di scambi. Se si sommano solo tre dei principali indirizzi Ethereum di Binance, questi controllano in realtà più di 4 milioni di ETH, il che li rende il secondo maggior detentore di ETH.

3- Contratto ETH avvolto: circa 3,7 milioni di ETH

L'ETH avvolto in WETH è un altro contratto popolare. Poiché l'ETH di per sé non è un token ERC-20, il suo utilizzo con programmi DeFi come Uniswap è difficile. Gli sviluppatori hanno creato un metodo per "avvolgere" l'ETH in un token ERC-20, rendendolo compatibile con un'ampia gamma di applicazioni.

4- Kraken: circa 1,7 milioni di ETH

Un altro importante detentore di ETH è Kraken con oltre 1,7 milioni. L'exchange decentralizzato è uno dei più popolari in termini di volume di scambi.

5- Fondo sconosciuto: circa 1,6 milioni di ETH

L'unica descrizione del quinto più grande detentore di Ethereum è "Fondo", senza che si sappia altro sulla natura, lo scopo e il controllore di questo fondo! Potrebbe anche essere la più grande balena di Ethereum di sempre o solo un conto temporaneo usato da un exchange.

Prova a invitare i tuoi amici e guadagnare insieme

Articoli correlati