Notizie Andamenti Riflessione sul rigido clima crittografico statunitense

Riflessione sul rigido clima crittografico statunitense

September 1, 2023 Andamenti
BITmarkets | Riflessione sul rigido clima crittografico statunitense

Il mercato statunitense è diventato un campo di gioco difficile per le società di criptovalute di ogni tipo. Il motivo è l'aumento del controllo normativo da parte del cane da guardia finanziario della nazione, la Securities and Exchange Commission (SEC).

Di recente, c'è stato un crescente spostamento a favore della regolamentazione dell'industria delle criptovalute, con molteplici cause giudiziarie intentate dalla SEC contro le principali istituzioni cripto-centriche, tra cui Binance, Crypto e Grayscale.

Prima di tutto, la SEC si è scagliata contro Binance, presentando 13 accuse contro le entità di Binance e il fondatore Changpeng Zhao. Le accuse comprendono offerte e vendite non registrate dei token BNB e Binance USD, l'illegalità del suo programma di staking e la mancata registrazione della piattaforma Binance.com come exchange o agenzia di broker-dealer.

Alla fine, Binance e la SEC hanno raggiunto un accordo per evitare il blocco totale dei beni della piattaforma negli Stati Uniti e mantenere i beni dei clienti negli Stati Uniti.

La mossa federale contro il più grande exchange di criptovalute al mondo ha causato enormi perdite in termini di capitalizzazione di mercato e di reputazione, costringendolo di fatto a spostare la propria attività altrove in climi più favorevoli alle criptovalute.

Nel giugno di quest'anno, la SEC si è mossa anche contro Coinbase, sostenendo che la borsa ha violato le leggi federali sui titoli operando come broker non registrato, agenzia di scambio e compensazione per criptovalute che erano titoli. In risposta, Coinbase si è battuta per ottenere l'archiviazione della causa della SEC, sostenendo che le criptovalute dovrebbero essere escluse dalla sorveglianza dell'autorità di regolamentazione.

Il caso Grayscale

Ma la campagna concertata della SEC contro l'industria delle criptovalute ha una data precedente, nel 2022, quando a Grayscale fu negata la richiesta di convertire il suo fondo a pronti Grayscale Bitcoin Trust (GBTC.PK) in un exchange-traded fund (ETF) da quotare sul mercato Arca della Borsa di New York.

Il caso è stato seguito con attenzione dagli operatori del settore delle criptovalute e dell'asset management, alcuni dei quali da anni cercano di convincere la SEC ad approvare un ETF sul Bitcoin a pronti.

L'argomentazione principale è che può consentire agli investitori di ottenere un'esposizione al Bitcoin, la criptovaluta più grande del mondo, senza doverla possedere. Il 29 agosto 2023, un giudice della Corte distrettuale degli Stati Uniti ha stabilito che la SEC aveva sbagliato a respingere la richiesta del gestore di criptovalute Grayscale Investments di quotare un ETF che seguisse il prezzo del bitcoin, con una decisione storica.

La vittoria legale di Grayscale sta aiutando altri che stanno aspettando dietro le quinte con richieste di ETF sul BTC, tra cui BlackRock e Goldman Sachs. In seguito alla recente vittoria di Grayscale, gli analisti di Bloomberg hanno alzato al 75% dal 65% la probabilità di un ETF sul Bitcoin a pronti approvato entro la fine del 2023.

Il verdetto

Una causa dopo l'altra, il severo clima normativo degli Stati Uniti sta spingendo le società di criptovalute al di fuori del Paese e verso altre nazioni amiche delle criptovalute. Paesi come la Germania, la Svizzera e il Regno Unito.

Esplora il nostro blog sui Paesi più cripto-friendly d'Europa per cogliere una prospettiva sui Paesi che possono affermarsi come hub globali delle criptovalute di domani.

Prova a invitare i tuoi amici e guadagnare insieme

Articoli correlati